lady d

Dal 1997, ogni 31 agosto, si ricorda il giorno in cui Lady Diana del Galles morì in un tragico incidente stradale nel ponte parigino dell’Alma con il suo compagno Dodi Al-Fayed. Anche se i risultati dell’indagine hanno assicurato che l’autista, Henri Paul, aveva bevuto troppo e accelerato, causando l’incidente, molte sono state le teorie che si sono diffuse sulla morte di Lady D. 

Apparentemente, la ferita che ha causato la morte della principessaera molto piccola e si trovava nel posto sbagliato“. Richard Shepherd, autore del libro “Unnatural Causes” afferma che sarebbe sopravvissuta se avesse indossato una cintura di sicurezza. In questo modo, Lady D si sarebbe ripresa in pochi giorni, con parecchie ossa rotte e lividi, ma l’incidente non le sarebbe costato la vita. “Il suo infortunio è stato così strano che in tutta la mia carriera penso di non averne mai visto un altro simile. Diana ha riportato una ferita molto piccola, ma nel posto sbagliato“.

Per comprendere le sue conclusioni, la morte di Lady D è avvenuta in una serie di errori e congiunture negative. “Se avesse usato la cintura di sicurezza, avrebbe colpito il sedile con lai fronte a un angolo leggermente diverso o ad una velocità inferiore“, ha scritto nel libro.

La morte di Lady Dian e le diverse teorie hanno reso le conclusioni dell’autopsia non credibili per nessuno. “La patologia della morte è indiscutibile. Ma intorno alla piccola ferita fatale in una vena polmonare sono intrecciati molti altri fatti, alcuni dei quali sono abbastanza misteriosi da permettere a una moltitudine di teorie di prosperare“.

 

I fatti

A seguito dell’incidente, Lady D aveva anche alcune ossa rotte e una piccola ferita al petto. Se non la portarono immediatamente all’ospedale della Pitié-Salpêtrière fu perché, all’inizio, era stabile e comunicava. “Ma la vena strappata sanguinava lentamente e internamente al petto” , dice Shepherd. La principessa perse gradualmente conoscenza in un’ambulanza e, nonostante avesse subito un intervento chirurgico, morì poco dopo in ospedale.

L’inchiesta della polizia francese concluse, nel 1999, che l’unico colpevole della morte di Lady D e Dodi Al-Fayed fu l’autista, Henri Paul. Nel 2004, Shepherd esaminò le prove e riferì, in un’indagine della polizia condotta dai servizi segreti britannici, in merito al fatto che le teorie della cospirazione avevano senso.

In quel momento, il medico legale stabilì che la morte era stata un incidente. Per le indagini, in cui sono stati investiti tre milioni di sterline, le autorità hanno esaminato la Mercedes di Al-Fayed, ispezionato l’Alma Bridge e raccolto circa 1.500 testimonianze e 20.000 documenti. Le conclusioni erano chiare: la morte di Lady D è stata un incidente.

Anche così, nel 2008, una nuova indagine britannica ha scoperto che i paparazzi che stavano inseguendo la macchina dall’hotel Ritz all’appartamento di Al-Fayed, insieme all’autista, furono la causa dell’incidente.