garfield

Una comunità costiera francese ha finalmente svelato il mistero dietro gli oggetti pittoreschi che hanno afflitto le sue spiagge per tre decenni. Dagli anni ’80, i telefoni a forma di Garfield, un personaggio creato dal fumettista americano Jim Davis, sono stati trovati sulla costa dell’Iroise, in Bretagna. Gli attivisti raccolgono frammenti di “felini” da anni mentre puliscono le spiagge.

Ora, finalmente, è stata trovata la fonte del problema: un container di trasporto. L’anno scorso, i militanti del gruppo anti-spazzatura Ar Viltansou hanno preso il telefono come simbolo di inquinamento plastico sulle spiagge della regione del Finistère, parte del quale è un parco di conservazione marina.

L’oggetto è stato prodotto a migliaia e venduto negli anni ’80. I collezionisti comprano e vendono ancora il vecchio telefono Garfield nei negozi online: gli occhi del gatto si aprono ad ogni telefonata.

 

Il mistero svelato

Quanti puliscono la spiaggia sospettavano da tempo che un conteiner smarrito stesse perdendo il suo prezioso carico arancione da tempo. Ma l’ipotesi non era mai stata dimostrata.

Tuttavia, l’attenzione dei media sulla nuova campagna anti-spazzatura ha attirato l’attenzione di un contadino locale, che ha ricordato il primo telefono Garfield apparso dopo una tempesta nei primi anni ’80 quando era giovane. Conosceva la posizione del conteiner: una caverna isolata che si poteva raggiungere solo con la bassa marea. “Devi conoscere bene l’area per arrivarci“, ha dichiarato. “Abbiamo trovato un conteier aperto incagliato in una fessura. Molte cose erano scomparse, ma c’erano ancora dei telefoni“, ha ricordato.

Salendo le rocce scivolose verso la caverna, la squadra di attivisti ha trovato il relitto del container – e poi, tra le rocce, i telefoni Garfield. I dispositivi erano più completi di quelli già trasportati dalla marea.

Il container rimane inaccessibile e non si sa quanta parte del suo carico sia ancora lì dentro. Un’altra domanda è come gli oggetti siano emersi e pr quanto tempo ancora continueranno a riempire le spiagge francesi, impiegando tempo a decomporsi rispetto a una vita umana.