traduttore
Non occorre più imparare le lingue?

Nel corso degli ultimi cinque anni, i sistemi di intelligenza artificiale con diverse applicazioni hanno sperimentato un aumento interessante nel grado di efficacia e utilità. E questo coinvolge anche i sistemi di traduzione.

L’azienda giapponese ha progettato un piccolo traduttore Logbar chiamato “ili”, che si caratterizza per la sua capacità di tradurre automaticamente le parole dell’utente ed è progettato per essere portato ovunque.

 

Tra gli aspetti più sorprendenti di questo strumento è il fatto che esso richiede Internet per lavorare, perché possiede un grande database che riconosce fino a 50 mila tra parole e frasi. Un dettaglio da considerare e non sottovalutare è che il traduttore ha solo il supporto – per il momento – per l’inglese ovviamente, ma per lingue più complesse come il giapponese e il cinese che certamente richiedono anni di studio per padroneggiarle. La possibilità, però, di includere più lingue in futuro è decisamente aperta.

 

Per attivare “ili”, all’utente è richiesto di tenere premuto il pulsante di interfaccia pronunciando le parole che si desidera tradurre. Secondo i suoi sviluppatori, il sistema è in grado anche di fornire una traduzione orale in appena 0,2 secondi.

Per ora, il dispositivo è disponibile solo in Giappone e raggiungerà gli Stati Uniti a giugno di quest’anno.

Nel frattempo però che la possibilità di tradurre istantaneamente non sia allargata ad altre lingue, è bene sapere che ci sono diversi altri strumenti in grado di fornire lo stesso servizio. Si tratta di traduttori manuali, portatili e sui quali basta digitare la frase che si intende dire per vedersela tradurre.