apple-680x383

Apple si è avvalsa dell’esperienza di una università per condurre il suo lavoro nel campo dell’intelligenza artificiale. Più discreta rispetto ai suoi rivali, l’azienda di Cupertino sta consolidando le sue posizioni in questo settore. Questo autunno, diverse grandi aziende americane hanno annunciato il lancio di un’organizzazione chiamata “Partnership on AI” per affrontare le questioni etiche sollevate dall’intelligenza artificiale. Google, Microsoft, Facebook, Amazon e IBM sono membri di questa lobby, ma non Apple. Cupertino, quindi, non ha alcun interesse a riguardo?

Niente affatto. La società guidata da Tim Cook si è lanciato nella corsa all’AI, ma con molta meno esposizione mediatica, se non una “quasi-assenza”. Mentre i suoi concorrenti spesso comunicano in materia, Apple sta adottando un atteggiamento di piena discrezione, lasciando un alone sui suoi progetti e ambizioni.

Tuttavia, il gruppo statunitense consolida le proprie forze in questo settore. Questa settimana abbiamo appreso che tale Ruslan Salakhutdinov, professore associato di apprendimento automatico presso la Carnegie Mellon University, è stato assunto dalla società per condurre i suoi programmi di intelligenza artificiale. In termini di AI, la Carnegie Mellon è una vera e propria piscina che attrae la Silicon Valley. Google e Toyota, passando per Uber ed altre diverse aziende che hanno sviluppato rapporti o partenariati con la possibilità di beneficiare della sua esperienza universitaria, in particolare nel campo dell’apprendimento profondo e delle reti neurali artificiali, ovvero le attuali tendenze nel campo dell’intelligenza artificiale.

Ma Ruslan Salakhutdinov anche un’esperienza da condividere con Apple in aree anche molto complesse, come l’apprendimento non supervisionato. Come suggerisce il nome, è un approccio a cui il sistema è in grado di apprendere senza l’assistenza di un essere umano, a differenza di tutti gli altri metodi attuali che, al contrario, lo richiedono. Come spiega Yann LeCun, responsabile dei progetti di intelligenza artificiale di Facebook, “la maggior parte della formazione fatta da esseri umani e animali non è sorvegliata. Se l’intelligenza fosse una torta, l’apprendimento non supervisionato anche lo sarebbe; l’apprendimento supervisionato sarebbe lo zucchero a velo e il rinforzo sarebbe la ciliegina sulla torta“. Ed ha aggiunto: “Sappiamo come fare la glassa e la ciliegia, ma non sappiamo come fare la torta“.

Per Apple, il 2016 è stato un anno di consolidamento in questo settore. Oltre l’assunzione di Ruslan Salakhutdinov, l’azienda ha speso 200 milioni di dollari per prendere il controllo di Turi. Si tratta di una startup specializzata in apprendimento automatico. E, per finire, ha provveduto nei primi mesi dell’anno all’acquisto di Emotient, una startup dedicata alla rilevazione e l’interpretazione di emozioni grazie all’AI.