sesso
Il sesso è questione di naso

Sin dai tempi antichi, esiste nell’immaginario popolare l’idea che la dimensione del naso abbia a che fare con quella del pene maschile. Grandi nasi come quello di Giulio Cesare sono stati associati con sessualità scatenate. Anche in tempi moderni, Freud, per esempio, ha parlato della guarigione dalla nevrosi di origine sessuale proprio cauterizzando il naso. Anche se la scienza di oggi non sostiene alcuna di quelle idee, la convinzione persiste.

La verità è che diversi studi hanno dimostrato che il naso influenza direttamente la sessualità delle persone, nella scelta del partner per la capacità di individuare le emozioni e anche nella misura in cui l’olfatto può determinare il numero di rapporto sessuale.

La ricerca, pubblicata sulla rivista Biological Psychology, suggerisce che gli uomini dotati del peggior olfatto avranno anche meno rapporti sessuali. Secondo gli psicologi dell’Università di Dresda, questo è riconducibile al fatto che il naso li fa sentire insicuri quando si rilevano dei “segnali erotici”. Le persone nate con un pessimo senso dell’olfatto, quella che viene chiamata anosmia, riflettono una maggiore insicurezza.

Certamente, gli antichi romani erano noti per essere uomini molto dotati. Tuttavia non v’è tale correlazione tra naso e pene. Nel Rinascimento, il dottore di Caterina de ‘Medici (1529-1582), tale Laurent Joubert, scrisse il libro Errori popolari nel quale confutava le menzogne e i falsi luoghi comuni sulla salute e il corpo umano. Tra le altre cose, scrisse: “Che tutti gli uomini abbiano lo stesso naso o lo stesso calibro in tutte le sue dimensioni? Sicuramente no. La proporzione dei membri non è la stessa in tutti gli uomini. Alcuni hanno un tronco stupefacente per un naso, ma sono piatti altrove; e diversi hanno il naso piatto ma sono molto ben dotati nel corpo principale“. 

Ma il più serio tentativo di mettere in relazione il naso alla sessualità non data tempi antichi, ma la prima metà del XX secolo, quando il razionalismo viene generalmente imposto sulla superstizione e la società ha scelto la scienza e la tecnologia come guide verso il futuro. In un libro di istologia si citava un uomo aggredito da violenti starnuti ogni volta che era in presenza di una bella donna. E le aree del rivestimento delle narici con molti vasi sanguigni a livello microscopico sono identici al tessuto erettile dei corpi cavernosi del pene.
 
Insomma, qualcosa corrisponde.